Movimento dei pezzi Stampa
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da administrator   

Estratto dell'articolo 3 del regolamento del gioco della dama italiana

Art. 3 - Il movimento dei pezzi

 

3.1  Il gioco consiste nell’operare opportunamente sui pezzi disposti sulla damiera. I pezzi si suddividono in:

-        pedine: ;

-        dame: contrassegnate dalla sovrapposizione di due pedine di ugual colore.

 3.2  Le operazioni consentite ad ogni giocatore sono di due tipi:

a)     spostamento semplice di un proprio pezzo;

b)     spostamento di un proprio pezzo con cattura ed eliminazione dal piano di gioco di uno o più pezzi avversari. Tale operazione viene denominata presa (o “mangiata”)

 

3.3 Lo spostamento di un pezzo da una casella all’altra della damiera si dice “mossa” o “tratto”.

 3.4  Ai giocatori è consentito, alternativamente, di effettuare una mossa per volta.

La prima mossa è effettuata dal Bianco.

 3.5  Una mossa è considerata ultimata quando il giocatore ha lasciato il pezzo dopo lo spostamento.

Nel caso di una presa, la raccolta dei pezzi eliminati deve essere effettuata al termine della presa stessa, secondo le regole più avanti espresse.

 3.6  Sino a quando un pezzo toccato, o in fase di spostamento, non viene lasciato, lo si può portare in qualsiasi casella, purché ciò sia possibile.

3.7  Se un giocatore, a cui spetta muovere, tocca uno dei suoi pezzi giocabili, è obbligato a giocare tale pezzo.

 3.8  Se un giocatore, a cui spetta muovere, tocca alcuni suoi pezzi giocabili è obbligato a giocare il primo pezzo toccato.

3.9  Se un giocatore a cui spetta muovere desidera sistemare correttamente uno o più pezzi deve notificarlo distintamente all’avversario, prima di farlo, con la parola “accomodo” o analoga espressione.

In caso di mancata notifica si applicano gli artt. 3.7 e 3.8.

 3.10 Per il giocatore cui spetta muovere, il fatto di toccare o di sistemare correttamente uno o più pezzi non giocabili senza notificarlo nei modi suddetti all’avversario, è senza conseguenze dirette. Tuttavia questo modo di agire è considerato scorretto.

 3.11 Per il giocatore cui non spetta muovere, il fatto di toccare o di sistemare correttamente uno o più pezzi propri o dell’avversario è senza conseguenze dirette. Tuttavia questo modo di agire è considerato scorretto.

Se il fatto accade in particolare circostanze (es: conteggio mosse lampo per l’avversario o altro) l’arbitro può decidere di annullare il conteggio

e/o prendere altre decisioni ritenute idonee